• Monte Cervino - m 4478

Monte Cervino - m 4478

Località: Breuil-Cervinia, Valtournenche

Dati tecnici

Percorso

Il Cervino (4.478 metri), chiamato Mont Cervin in francese e Matterhorn in tedesco, è considerato una delle più famose montagne delle Alpi ed anche una delle più familiari a causa della sua particolare forma piramidale molto pronunciata.

Risalendo la Valtournenche si comincia già a scorgere il Monte Cervino da Antey-Saint-André.

È situato nelle Alpi Centrali, sullo spartiacque tra l’Italia e la Svizzera, lungo la catena delle Alpi Pennine dalla quale si erge isolato dal resto delle altre vette.
Presenta quattro pareti principali orientate secondo i punti cardinali: la parete nord guarda Zermatt in Svizzera, la parete ovest guarda il ghiacciaio del Gorner, la parete sud sovrasta Breuil-Cervinia in Italia e la parete est è rivolta verso la Dent d’Hérens.

Dopo una quindicina di tentativi sul versante italiano per la cresta del Leone e quasi altrettanti lungo la cresta svizzera dell’Hornly, il 14 luglio 1865 Whymper, Hudson, Douglas e Hadow, con le guide Croz e i due Taugwalder, sono i primi uomini che pongono i piedi sulla vetta del Cervino.Pochissimi giorni dopo, una cordata interamente italiana, guidata da Jean-Antoine Carrel, lo scalò dal lato italiano.

Nel 1932 viene superata anche la difficile e pericolosa parete est da due cordate: Luigi Carrel con Antonio Gaspard ed Enzo Benedetti, seguiti da Maurizio Bich, Luciano Carrel e Giuseppe Mazzotti. La prima diretta sulla parete ovest del Cervino sarà portata a termine nel 1962 dalle guide di Valtournenche Giovanni Ottin e Renato Daguin.

Nel 1953 Walter Bonatti e Roberto Bignami compiono la prima invernale sugli strapiombi di Furggen e tre anni dopo Bonatti porta a termine la prima solitaria sulla parete nord del Cervino.
Nel settembre 1985 Marco Barmasse in 15 ore percorre in solitaria le quattro creste del Cervino: salita da Furggen, discesa da Hornly, salita da Zmutt e discesa dal Leone.

Ancora oggi alpinisti esperti da tutto il mondo si cimentano nella scalata del Cervino.

Per ammirare il Cervino da vicino è possibile salire con gli impianti di Breuil-Cervinia fino a Plateau Rosa, paradiso dello sci, invernale ed estivo.
La funivia è una esperienza da non perdere anche per chi non scia e desidera godersi il panorama, il cielo terso e l’aria frizzante.

N.B.: queste informazioni non sono direttamente collegate al percorso Cammino Balteo ma contribuiscono all'offerta turistica complessiva della regione Valle d'Aosta.