• Museo del Tesoro della Cattedrale

    Musei

Museo del Tesoro della Cattedrale

Località: Aosta

sabato e domenica dalle 15.00 alle 17.30 – ultimo ingresso alle 17.00
(Per possibilità di visita in altri orari scrivere una mail a info@cattedraleaosta.it)

Intero € 4,00

Dal 6 agosto 2021 (rif. D.L. 23 luglio 2021) è obbligatorio esibire il Green Pass corredato da un documento di identità per accedere a tutti i luoghi di cultura.
Le disposizioni non si applicano ai bambini di età inferiore ai 12 anni e ai soggetti con certificazione medica specifica.
Per maggiori informazioni sulle modalità per ottenere il Green Pass consultare il sito www.dgc.gov.it

Sito accessibile ai disabili.
Per la visita, rivolgersi al custode.

Contatti

Collocato nel deambulatorio della Cattedrale di Santa Maria Assunta, il museo presenta una panoramica significativa dell’arte valdostana dei secoli XIII-XVIII, unendo ai pezzi del ricco tesoro della Cattedrale alcune opere d’arte provenienti da diverse parrocchie della Valle.
Tra gli esemplari più preziosi, un cammeo di età romana incastonato in cornice d’oro con pietre e perle del XIII secolo, utilizzato come fibbia di piviale, nonché un pezzo unico, un dittico consolare di Onorio, testimonianza dell’arte tardo-romana.
Molto importanti le sculture gotiche, tra le quali un antico paliotto in legno scolpito del XIII/XIV secolo.
Ricchissima la rassegna di oreficerie con oggetti francesi di arte limosina e pregevoli busti reliquiari in argento incisi ed incastonati con cristalli e pietre. Sono presenti pezzi d’eccezione come la grande cassa reliquiario di San Grato, la cui esecuzione, inizialmente affidata a Guglielmo di Locana, fu completata dopo la sua morte dal fiammingo Jean de Malines.
Fa parte del museo una raccolta di sculture marmoree sepolcrali, produzioni quattrocentesche dell’artista valdostano Stefano Mossettaz.

Vedi anche

Chiese e santuari
Cattedrale di Santa Maria Assunta

Cattedrale di Santa Maria Assunta

Aosta

L’odierna piazza Giovanni XXIII sorge sulla parte meridionale di quella che al tempo di Augusta Praetoria era l’area sacra del Foro romano, delimitata dal criptoportico.

La cruciale importanza che questa zona rivestiva per la vita della città, non venne …