Plaisirs de culture
  • Plaisirs de culture

    Cultura

Plaisirs de culture

17 settembre 2022 - 25 settembre 2022

Il piacere della cultura è gratis in Valle d’Aosta!

Dal 17 al 25 settembre 2022, in concomitanza con le “Giornate europee del Patrimonio”, Plaisirs de culture propone una serie di attività di promozione e valorizzazione del patrimonio e delle tradizioni culturali della regione Valle d’Aosta.

Un “calendario ricco e variegato” invita alla scoperta, o ri-scoperta, di numerosi siti archeologici, beni culturali, musei e collezioni distribuiti sull’intero territorio della regione, alcuni dei quali normalmente chiusi al pubblico oppure oggetto di lavori e ricerche.

In questo periodo l’ingresso a buona parte delle mostre, dei castelli e dei siti archeologici è gratuito o a tariffa ridotta. Inoltre vengono organizzate visite guidate, conferenze e attività pratiche per bambini e famiglie.

Un’ottima occasione non solo per appropriarsi di un patrimonio prezioso, ma anche per godere dello splendore di fine estate nelle montagne valdostane.

Il tema individuato per l’edizione 2022 è il Patrimonio culturale sostenibile

Il programma completo è scaricabile qui

Castelli, siti archeologici e mostre a ingresso gratuito dal 17 al 25 settembre 2022 orario 9-19:

Consigliata la prenotazione a questo link per i seguenti siti culturali:

CASTELLI

  • Castel Savoia di Gressoney-Saint-Jean
  • Castello di Issogne
  • Castello di Verrès
  • Castello Gamba di Châtillon
  • Castello di Fénis
  • Castello Reale di Sarre
  • Castello di Aymavilles

SITI ARCHEOLOGICI
AOSTA:

  • Chiesa paleocristiana di San Lorenzo
  • Criptoportico forense
  • MAR – Museo Archeologico Regionale
  • Teatro Romano

AYMAVILLES:

  • Ponte-acquedotto di Pont-d’Aël

MOSTRE AD AOSTA

  • Museo Archeologico Regionale Espressionismo svizzero
    Orario di visita: tutti i giorni 9.00 – 19.00
  • Centro Saint-Benin Arshark Sarkissian. Angeli e Demoni

MOSTRE A CHATILLON
Castello Gamba: “L’ultima guerra di Mario Schifano 1988-1998”.

N.B.: queste informazioni non sono direttamente collegate al percorso Cammino Balteo ma contribuiscono all'offerta turistica complessiva della regione Valle d'Aosta.