Tra storia e natura alla scoperta delle perle di Aymavilles
  • Tra storia e natura alla scoperta delle perle di Aymavilles

    Visite turistiche e culturali

Tra storia e natura alla scoperta delle perle di Aymavilles

Località: Aymavilles

sabato 23 luglio 2022

Contatti

Il Parco Nazionale del Gran Paradiso compie 100 anni!

Una giornata dedicata alla scoperta delle tipicità dei luoghi e della vita che gravitava intorno al castello di Aymavilles, riaperto al pubblico dopo anni di restauro.

Sono previste due escursioni tematiche con le Guide del Parco (una con partenza al mattino ed una nel pomeriggio) per parlare di storia, passando dall’acquedotto romano di Pont d’Ael, ma anche della vita legata all’agricoltura, passeggiando tra i caratteristici vigneti e villaggi per infine arrivare al castello. Qui, meta finale di entrambe le escursioni, nel pomeriggio sarà possibile effettuare la visita del castello stesso ed ascoltare l’interessante racconto dello studioso di cultura alpina Michele Vacchiano.
A conclusione, degustazione vini e prodotti locali per assaporare e conoscere anche attraverso il gusto le tipicità del territorio.

Programma

Escursione giornata intera:
Ore 9.00: ritrovo con la guida e partenza da piazza Chillod
Visita guidata alla Cripta di Saint-Léger, camminata attraverso il sentiero per la Camagne fino a Pont d’Ael per la visita del ponte-acquedotto romano. Pranzo al sacco e rientro al castello dal sentiero del Ru d’Arberioz.

Escursione mezza giornata:
Ore 14.00: ritrovo con la guida e partenza da piazza Chillod
Visita guidata alla Cripta di Saint-Léger e passeggiata attraverso le antiche mulattiere rurali fino al ru d’Arberioz e rientro al castello.

Ore 16:00: breve visita guidata al Castello di Aymavilles

Ore 17.00: incontro con l’esperto di cultura alpina Michele Vacchiano

A conclusione della giornata, in collaborazione con la coop. sociale Les Aigles, degustazione di vini e prodotti locali per assaporare e conoscere Aymavilles anche attraverso il gusto.

N.B.: queste informazioni non sono direttamente collegate al percorso Cammino Balteo ma contribuiscono all'offerta turistica complessiva della regione Valle d'Aosta.